Leed, in ambito delle certificazioni bioedilizia, è la più diffusa e riconosciuta al mondo.
Per rilasciarla devono essere esaminati una serie di fattori riguardanti la progettazione e la costruzione di un edificio, nello specifico:

• L’impatto ambientale
• L’impatto economico
• L’impatto sociale
• L’impatto sulla salute

I protocolli LEED sono diversi e sono applicabili a diverse tipologie di edifici:

• LEED nuove costruzioni e ristrutturazioni, rivolto ad edifici di uso commerciale, istituzionale e residenziale con oltre quattro piani;
• LEED per le scuole, certificazione di qualità e sostenibilità per gli edifici scolastici;
• GBC Home, strumento di progettazione e realizzazione di edifici ad uso residenziale;
• LEED per gli edifici esistenti;
• GBC Ecoquartieri, strumento per la progettazione e la realizzazione di aree urbane nuove o da riqualificare.

Vediamo nel dettaglio come funziona il sistema di rating LEED.
Sfruttando un sistema di valutazione della sostenibilità degli edifici, si vanno ad assegnare dei “prerequisiti” e dei “crediti” dalla cui somma deriva il livello di certificazione ottenuto.

Quali aspetti di un edificio vengono osservati in fase di valutazione?

Gestione dell’acqua, (1 Prerequisito, 3 Crediti – max 10 punti): nello specifico, l’uso, la gestione e allo smaltimento delle acque negli edifici.
Siti sostenibili, (1 prerequisito, 8 crediti – max 26 punti): vengono valutati gli aspetti ambientali legati al sito dove verrà costruito l’edificio e al rapporto di questo con il contesto
Energia e atmosfera, (3 Prerequisiti, 6 Crediti – max 35 punti): viene promosso l’impiego di energia proveniente da fonti rinnovabili o alternative e il controllo delle prestazioni energetiche dell’edificio.
Materiali e risorse, (1 Prerequisito, 7 Crediti – max 14 punti): vengono prese in considerazione le tematiche ambientali correlate alla selezione dei materiali, alla riduzione dell’utilizzo di materiali vergini, allo smaltimento dei rifiuti e alla riduzione dell’impatto ambientale dovuto ai trasporti
Qualità dell’ambiente interno, (2 Prerequisiti, 8 Crediti – max 15 punti): vengono considerate le tematiche inerenti la qualità dell’ambiente interno, che riguardano la salubrità, la sicurezza e il comfort, il consumo di energia, l’efficacia del cambio d’aria e il controllo della contaminazione dell’aria.
Innovazione, (2 crediti – max 6 punti): vengono identificati gli aspetti progettuali che si distinguono per le caratteristiche di innovazione e di applicazione delle pratiche di sostenibilità nella realizzazione di edifici.
Priorità regionale, (1 Credito – max 4 punti): l’obiettivo è quello di incentivare i gruppi di progettazione a focalizzare l’attenzione su caratteristiche ambientali del tutto uniche e peculiari della località in cui è situato il progetto.

Si tratta di un processo valutativo articolato e complesso che coinvolge molti settori ma che porta con sé innumerevoli vantaggi.
La Certificazione consente di godere di vantaggi ed incentivi pubblici e può attirare l’interesse della stampa sul vostro progetto. Un ulteriore vantaggio è legato alla maggiore attrattiva commerciale dell’immobile, il cui valore economico sarà ragionevolmente incrementato.

All’interno di ZEN abbiamo una formazione da LEED Green Associate ed attraverso il continuo studio ed aggiornamento siamo orgogliosi di potervi offrire questo servizio.