Ecco perché la tua azienda dovrebbe muoversi sempre di più verso la sostenibilità.

 

Cos’è la sostenibilità?

La sostenibilità è il processo di cambiamento nel quale lo sfruttamento delle risorse, il piano degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico e le modifiche istituzionali sono tutti in sintonia e valorizzano il potenziale attuale e futuro, al fine di far fronte ai bisogni e alle aspirazioni dell’uomo.

La sostenibilità nel 2020 per le aziende non deve rappresentare una moda o una tendenza passeggera ma una direttrice di sviluppo necessaria per rispondere ai bisogni di un consumatore sempre più attento e ad un quadro normativo sempre più stringente. Una scelta necessaria che coinvolge tutte le imprese e che va compiuta qui e ora, non restando di fatto appannaggio solo delle grandi corporation o dei settori per vocazione più green.

Sempre più spesso le aziende supportano la loro comunicazione verso i clienti portando come valore fondante quello della Sostenibilità e lo fanno perché hanno capito che è un valore reale e palpabile, che ha ricadute importanti sia a livello aziendale che sulla collettività. Secondo uno studio internazionale condotto da Wpp nel 2019, l’humanized growth si appresta a diventare in assoluto il principale fattore critico di successo e driver di sviluppo per le aziende nei prossimi anni.

Diventare socialmente più responsabili si rivela non solo un vantaggio per la reputazione ma anche un mezzo per ridurre costi e rischi, aumentando la spinta all’innovazione, e costituendo inoltre un nuovo stimolo per la filiera, i prodotti, il modello di business. Il tutto in un’ottica di lungo periodo che risulta premiante.

 

Investire in sostenibilità conviene?

La strada da percorrere è impegnativa ma, dal nostro punto di vista, deve essere considerata perché riserva anche molti vantaggi:

– gli investitori sono sempre più interessati alle aziende con un elevato tasso di sostenibilità: si stima che il 30% degli asset totali gestiti oggi a livello mondiale sia rappresentato da investimenti responsabili e sostenibili;

– Integrare la sostenibilità rafforza il legame con il cliente dal punto di vista commerciale e valoriale, in questo modo si guadagna una maggiore fedeltà al brand e una differenziazione rispetto ai competitor con benefici reputazionali;

– Significa anche adattare la gestione delle risorse umane con conseguente aumento della produttività dei lavoratori, maggiore fidelizzazione dei dipendenti e soddisfazione sul posto di lavoro.

Per l’Architettura 4.0 la sostenibilità di un progetto è un elemento imprescindibile per proiettarsi nel futuro! Un’azienda che crede in questo valore, vuole rendere sostenibili i suoi immobili.

 

Come valutare un edificio dal punto di vista della sostenibilità?

Noi di Zen abbiamo definito come valutare un edificio dal punto di vista della sostenibilità utilizzando un mix di parametri derivato dalla certificazione LEED, un sistema di valutazione che fornisce la metodologia e gli strumenti necessari per eseguire un’analisi delle performance di sostenibilità di un edificio. LEED è amministrato dal Green Buisness Certification Institute ed è adattato alle aziende italiane.

Ecco quali sono gli aspetti che vengono presi in considerazione:

Sostenibilità del Sito: affrontiamo gli aspetti ambientali legati al sito entro il quale verrà costruito oppure è stato costruito l’edificio e il rapporto di questo con gli spazi circostanti. Gli obiettivi sono limitare l’impatto generato dalle attività di costruzione, controllare il deflusso delle acque meteoriche, stimolare modalità e tecniche costruttive rispettose degli equilibri dell’ecosistema.

Gestione delle Acque: approcciamo le tematiche ambientali legate all’uso, alla gestione e allo smaltimento delle acque negli edifici monitorando l’efficienza dei flussi d’acqua e promuovendo la riduzione dei consumi idrici e il riutilizzo delle acque meteoriche.

Energia ed Atmosfera: promuoviamo il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, l’impiego di energia proveniente da fonti rinnovabili o alternative e il controllo delle prestazioni energetiche dell’edificio.

Materiali e Risorse: prendiamo in considerazione le tematiche ambientali correlate alla selezione dei materiali, alla riduzione dell’utilizzo di materiali vergini, allo smaltimento dei rifiuti e alla riduzione dell’impatto ambientale dovuto ai trasporti.

Qualità ambientale Interna: affrontiamo le preoccupazioni ambientali relazionate alla qualità dell’ambiente interno, che riguardano la salubrità, la sicurezza e il comfort, il consumo di energia, l’efficacia del cambio d’aria e il controllo della contaminazione dell’aria.

Inizia ora

Inizia ora il tuo percorso verso la sostenibilità. Per costruire un edificio sostenibile o trasformare un edificio esistente, inizia da CONOSCI.