Edifici efficienti e performanti grazie alla building automation

L’approccio smart che sta caratterizzando il mondo dell’edilizia degli ultimi anni, punta a migliorare la qualità della vita negli ambienti domestici, lavorativi e urbani, integrando gli spazi con tecnologie digitali e di building automation.
La building automation è uno dei punti cardine dell’architettura 4.0 e permette di gestire, in modo autonomo e automatico, gli impianti tecnologici di un intero edificio, controllando che tutte le funzioni siano regolarmente svolte e integrandole in caso contrario.
Illuminazione, riscaldamento e condizionamento, antri-intrusione, controllo presenze, anti-incendio, diventano sistemi integrati in un’unica piattaforma in grado di comunicare con tutti i sottosistemi e modificare tempi e proprietà di tutti i servizi erogati dagli impianti.
Il vantaggio principale di gestire in maniera integrata ed automatizzata gli impianti consiste nel disporre di una infrastruttura di supervisione e controllo capace di massimizzare il risparmio energetico, il comfort e la sicurezza degli occupanti, garantendo inoltre l’integrazione con il sistema elettrico di cui l’edificio fa parte.

Differenza tra domotica e Building automation

A differenza della domotica, che interessa soprattutto l’ambiente domestico, la Building Automation è utilizzata negli edifici a scopo non residenziale come uffici, scuole, banche, cantieri, alberghi, agriturismi, palestre, porti, pubbliche amministrazioni, ospedali e per molto altro.
L’essenza non cambia, ma cambiano notevolmente i campi di applicazione e la portata degli interventi da eseguire.
A seconda del campo di applicazione esistono delle soluzioni tecnologiche per:
• il controllo degli accessi;
• il controllo e la gestione dell’illuminazione;
• il controllo e gestione del condizionamento dell’aria;
• la raccolta ed export dati.
Grazie a queste tecnologie è possibile sapere quando un’area è occupata e quante persone sono in una stanza, regolando in maniera completamente automatizzata l’aria condizionata e l’illuminazione.
Oppure, è possibile impostare lo spegnimento dell’aria condizionata quando una finestra si apre e il viceversa quando la finestra è chiusa.
Quello della building automation diventa quindi un sistema indispensabile per ottimizzare i consumi energetici e garantire i massimi livelli di sicurezza e confort e rappresenta un innovativo metodo di lavoro che sposa a pieno la filosofia di Zen.
La nostra è un’architettura sostenibile, progettata con etica contemporanea, che contribuisce ad aumentare il comfort e la produttività del proprio edificio.

Banda ultralarga: pilastro dell’edilizia 4.0

Nell’era della digitalizzazione, anche il settore delle costruzioni sta vivendo la sua trasformazione e si prepara alla sfida degli smart building il cui obiettivo è quello di garantire maggiore sicurezza, stabilità, economicità, ottimizzazione energetica e tutela dell’ambiente.
L’approccio smart al settore dell’edilizia mira a creare un patrimonio immobiliare efficiente e iperconnesso grazie a tecnologie basate su sensori di ultima generazione, IoT, cloud e sistemi mobile.
Tecnologie e soluzioni innovative che si evolvono sempre più rapidamente e che, solo con il supporto di figure professionali competenti e aggiornate, dovranno essere integrate negli edifici in modo strategico ed efficace.


Questa è l’edilizia 4.0: un nuovo modello di sviluppo immobiliare, in cui architettura, infrastrutture energetiche e digitali e dimensione socio-ambientale si integrano con e per nuovi servizi.
Uno dei pilastri portanti per la trasformazione digitale legata al settore delle costruzioni edili (civili ed industriali) è la banda ultralarga.
Dal 1° luglio 2015, infatti, tutti gli edifici di nuova costruzione o quelli oggetto di interventi di ristrutturazione significativi devono essere equipaggiati con una infrastruttura fisica multi servizio passiva interna: ovvero, devono essere dotati di adeguati spazi installativi e di reti in fibra ottica fino alle abitazioni.
Questo intervento permetterà di dotare gli edifici di un centro di gestione e manutenzione che permetterà di condividere le stesse informazioni di interesse collettivo: lo stato degli impianti, i consumi, le disfunzioni, i sovraccarichi, le temperature di esercizio, etc etc
Ciò consentirebbe, ad esempio, di ottimizzare i consumi non solo a livello di singola stanza o utenza, ma a livello di edificio, e con l’edificio di ottimizzare con il quartiere o la community locale.


L’importanza di dotare gli edifici di connessioni in fibra, o anche in altre tecnologie, purché a banda ultra larga, è fondamentale anche per l’erogazione di tutti i servizi e contenuti multimediali, in streaming o meno, su tutti i dispositivi (fissi e mobili), anche contemporaneamente mentre si assicurano i servizi prioritari (ad esempio quelli di emergenza, di sorveglianza, di monitoraggio o di gestione).

Cambiano i progetti di sviluppo degli edifici ma cambia anche il ruolo dei professionisti come progettisti e architetti. Il ruolo, proprio per competenze e responsabilità, non terminerà solo con la progettazione e la direzione dei lavori, ma sarà continuo nel tempo e dovrà prevedere la manutenzione ordinaria, straordinaria ed evolutiva.
Il team di Zen è alla continua ricerca di nuove soluzioni tecniche per essere sempre al passo con quello che il mercato e lo sviluppo tecnologico offrono.